^

BIMBI ALL’APERTO COL FREDDO E NANNA SOTTO ZERO

Chi l’ha detto che il freddo fa ammalare? Molte persone sono convinte che portare i bambini all’aperto nei giorni più freddi li esponga al rischio di malattie ed influenze. La verità è che il freddo non fa ammalare, la vera causa del raffreddore invernale, che è una forma virale, è il chiudersi in ambienti chiusi affollati di gente. Ci si ammala in casa non fuori!

Nei paesi nordici, dove le temperature possono scendere ben oltre lo zero, esiste addirittura la pratica della nanna sotto zero, in molte città, dalla Danimarca alla Finlandia, non è insolito trovare file di passeggini allineati all’ingresso dei negozi.

Leggi tutto l'articolo sul blog Alla Birba c'è 

BIMBI ALL’APERTO COL FREDDO E NANNA SOTTO ZERO

Secondo il pediatra Arvo Ylppö, che negli anni Venti contribuì a ridurre gli alti tassi di mortalità in Finlandia proprio raccomandando alle madri di far dormire i bambini all’aperto, far dormire i bambini fuori serve per abituare il fisico a condizioni climatiche non sempre favorevoli e consente al sistema immunitario di reagire in maniera adeguata ai cambi di stagione. Le temperature rigide possono prevenire il rachitismo, aumentano l’immunità ai batteri e sono in grado di far durare di più il sonnellino grazie ad una maggiore ossigenazione del sangue. L’esposizione al sole poi garantisce la formazione della vitamina D utile nella prevenzione di numerose malattie.

Probabilmente in Italia se lasciassimo i nostri bambini fuori da un locale oltre a temere per un eventuale rapimento incapperemmo, nella migliore delle ipotesi, in una denuncia per abbandono di minore. Per la nostra cultura è sufficiente portare fuori i nostri bimbi anche quando è molto freddo, senza abbandonarli e vestendoli in maniera adeguata.

Una maglia di cotone a contatto con la pelle, un maglione di lana, un piumino, guanti, sciarpa e berretto, fanno sicuramente parte del giusto abbigliamento. È poi importante non esporli a sbalzi di temperatura repentini sostando qualche minuto sul pianerottolo di casa prima di uscire e svestendoli entrando in un ambiente più caldo.

Seguendo questi piccoli consigli dettati dal buon senso, possiamo portare fuori i nostri piccoli anche nelle giornate più fredde e se incappiamo in un raffreddore o nell’influenza stagionale sarà comunque un buon esercizio per il loro sistema immunitario, sempre meglio che tenerli rinchiusi dentro casa! 

vai all'indice