^

Natale di Giuseppe Ungaretti

Calendario d'Avvento 2 dicembre

Lasciamo descrivere ad un grande poeta un Natale diverso, il Natale di un uomo che vive gli orrori di quella barbarie umana che è la guerra.
"Natale" è una poesia composta nel 1916 da Giuseppe Ungaretti, durante un periodo di licenza che il poeta trascorre a Napoli insieme ad alcuni amici.
Negli occhi Ungaretti ha ancora vive le immagini brutali della guerra, e al calore effimero delle strade affollate di gente durante le festività natalizie, un gomitolo di strade, contrappone il caldo buono del camino e della solitudine.
I versi frantumati e cadenzati della poesia appaiono come il pianto di un uomo che desidera solo una tregua, un attimo di respiro e di pace.

Natale di Giuseppe Ungaretti

 

Natale

Non ho voglia
di tuffarmi
in un gomitolo
di strade

Ho tanta
stanchezza
sulle spalle

Lasciatemi così
come una
cosa
posata
in un
angolo
e dimenticata

Qui
non si sente
altro
che il caldo buono

Sto
con le quattro
capriole di fumo
del focolare

Giuseppe Ungaretti

 

Guarda tutto il calendario sul Blog

 

vai all'indice